LACRIME DI COCCODRILLO. E IL PANPEPATO

E anche le feste sono passate.
Cene con la famiglia allargata, che è sempre più grande e sempre più unita.
Pranzi con i miei genitori.

E’ meraviglioso vedere i nipotini crescere come dei funghetti.
E’  un po’ triste vedere i bisnonni invecchiare.

In mezzo ci siamo noi, nonni quasi sessantenni: comunque discretamente tenuti e ancora pieni entusiasmo.

Ci eravamo messi addirittura in dieta, qualche tempo fa: un regime alimentare rigoroso che già aveva migliorato i risultati delle nostre analisi.
Ma mi sa che abbiamo sgarrato: le ricette testate in questo periodo ne sono la prova.

Direi che il fatto che io non mi pesi da giorni è sintomatico.
E, nonostante i miei sforzi, non riesco a trovare una scusa credibile per giustificarmi con la nutrizionista…

 

 

DSC_0655 (1)_001

 

IL PANPEPATO

(dosi per un PANPEPATO da circa 500 g; questa è la mia versione della ricetta comparsa sul numero di dicembre 2015 del periodico “Noi… Voi…Bimby”; ho usato il Bimby, ma  si può impastare anche a mano; l’ho cotto nel forno Gaggenau)

CHE COSA SERVE?

– 50 g di UVETTA
– 60 g di MANDORLE sgusciate (con la pellicina scura)
– 60 g di NOCCIOLE sgusciate
– 30 g di NOCI sgusciate
– 50 g di CIOCCOLATO FONDENTE
– 1/4 di cucchiaino di PEPE NERO macinato
– SALE
– 1/4 di cucchiaino di NOCE MOSCATA in polvere
– 10 g di ACQUA
– 125 g di MIELE
– 175 g di FARINA 00
– 35 g di SCORZA d’ARANCIA CANDITA

 

COME FACCIO?

1. PRERISCALDO il FORNO a 160°C, vi faccio TOSTARE per circa 12 minuti le MANDORLE, le NOCCIOLE e i gherigli di NOCE. Faccio raffreddare la frutta secca prima di utilizzarla.

2. METTO ad ammollare in acqua tiepida per circa 20 minuti l’UVETTA. Trascorso questo tempo, la strizzo e la asciugo con uno scottex.

3. METTO nel boccale il CIOCCOLATO FONDENTE, il PEPE, il SALE, la NOCE MOSCATA. TRITO per 15 secondi a velocità 7. Metto da parte.

4. INSERISCO nel boccale il MIELE e l’ACQUA. Scaldo per 5 minuti, a 60°C, velocità 2.

5. AGGIUNGO al contenuto del boccale gli ingredienti precedentemente preparati: UVETTA, MANDORLE, NOCCIOLE, NOCI, CIOCCOLATO, PEPE, SALE, NOCE MOSCATA. Unisco anche la SCORZA d’ARANCIA CANDITA e la FARINA 00. Frullo per 2 minuti, antiorario, velocità soft alternata a velocità 2.

6. TRASFERISCO l’impasto su una placca da forno foderata con carta forno, formando con le mani inumidite un panetto semisferico.

7. CUOCIO per circa 20 minuti nel forno che avevo preriscaldato a 160°C.

8. FACCIO raffreddare su una griglia per 24 ore prima di servire.

SODDISFAZIONE *****

PAZIENZA **

 

Avete visitato il mio sito

VI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE...

2 Comments

  • comment-avatar
    consuelo tognetti 14 gennaio 2016 (16:40)

    In ogni dieta sana è previsto lo sgarro e vedrai che la nutrizionista saprà essere comprensiva 🙂 Io sono stata più furba e ho fissato il mio primo appuntamento dopo le feste così mi ha visto già al "top" della forma e non può che migliorarmi 😛 Scherzi a parte, ma come si può resistere se hai in casa questa delizia???

  • comment-avatar
    Pane per i tuoi denti 14 gennaio 2016 (20:52)

    Che forte che sei, Consuelo!!!
    Il tuo "top" è nulla, confrontato al mio.
    Non avevo mai assaggiato il panpepato: me ne sono innamorata al primo morso, ma ne ho impastato uno piccolopiccolopiccolo, che ho diviso con una famiglia grandegrandegrande!
    Un bacione.

    Valeria