LIBERCOLI

Un libro: il dono più bello.
Io ne ho sempre regalati tanti.

Da qualche anno, raccolgo le mie ricette migliori in volumetti senza pretese che metto sotto l’albero per gli amici.
La soddisfazione più grande è vedere quanto essi siano apprezzati.
Al punto che ormai, già a Ferragosto, in parecchi incominciano a informarsi sull’argomento della successiva pubblicazione.

Mi piacerebbe tanto fare avere una copia cartacea dei miei “libercoli” a ognuno di voi.
Purtroppo, non è possibile.
Ma, cliccando sulle immagini qui sotto, potete sfogliarne ed, eventualmente, scaricarne gratuitamente i PDF: il mio regalo per gli amici – carissimi – di Pane per i tuoi denti.

 

 

ricette-per-un-anno

 

 

 

 

 

 

RICETTE PER UN ANNO

Dodici proposte dolci o salate, dodici dediche a persone a me care: dodici mesi con Pane per i tuoi denti. Cliccate sull’immagine per visualizzarne il PDF, che potrete scaricare gratuitamente seguendo la procedura indicata in fondo alla pagina.

 

copertina-tigrata

 

 

 

 

 

 

UNA TIGRE IN CUCINA

La cronistoria della meravigliosa avventura a La Cucina Italiana e -passo passo – la ricetta della Torta Tigrata.
Cliccate sull’immagine per visualizzarne il PDF, che potrete scaricare gratuitamente seguendo la procedura indicata in fondo alla pagina.

 

cop-cioccolata

 

 

 

 

 

 

σοκολάτα

Da Pane per i tuoi denti, una serie di ricette a base di cioccolato. Cliccate sull’immagine per visualizzarne il PDF, che potrete scaricare gratuitamente seguendo la procedura indicata in fondo alla pagina.

 

copertina-zerozero

 

 

 

 

 

 

ZERO ZERO

La farina di Pane per i tuoi denti. Cliccate sull’immagine per visualizzarne il PDF, che potrete scaricare gratuitamente seguendo la procedura indicata qui sotto.

 

COME SCARICARE I MIEI LIBERCOLI:

  1. Seguite questo link: https://issuu.com/home/publications
  2. Scegliete la pubblicazione da scaricare.
  3. Cliccate su “Download”.
  4. Salvate il file PDF.

 

La bellissima foto del titolo – ormai diventata un po’ il mio simbolo – è dell’amico fotografo Stefano Masotto, che ringrazio di cuore.