LA CANNA & L’AMOR CASTAGNA (VERSIONE BUTTER FREE DELLA RICETTA DE LA CUCINA ITALIANA)

Oggi non si chiama più La canna, ma San Basilio. Ci sono stata da poco, in quel locale dove la mia mamma era accolta come una principessa. E mi sono emozionata ricordando la storia della zia Pina e dello zio Eugenio, un trovatello dall’intelligenza vivace e con il pallino degli affari. È una storia di lavoro e di riscatto. Ma è soprattutto una storia d’amore.       LA CANNA Era un trovatello. Uno di quei bambini abbandonati sui gradini della chiesa di Santo ... Continue Reading

IL MILIONE & LA TORTA A SCACCHIERA

Caro Ettore, nipotino mio, vorrei tanto che il mio regalo per la tua festa rimanesse nel tuo cuore per sempre. Per questo ti ho scritto una fiaba. Non la leggerai adesso. Forse non la leggerai neanche quando sarai più grandicello. Ma mi piace pensare che, da adulto, questa storia ti farà ritornare indietro nel tempo... Ti voglio bene.     IL MILIONE   Sorrise. Le fossette delle guance gli si accesero per un attimo. Infilò lo stivale nella staffa, salì in ... Continue Reading

PISANODODICI & I CHOCOLATE CRINKLES (BISCOTTI MORBIDI BUTTER FREE)

Non ci posso credere: lo rifiuto da sempre, e ora ne sono entusiasta. Non ci sono mai andata, non ne sapevo nulla, mi disinteressavo totalmente della sua gestione. Eppure la mia mamma lo amava profondamente, quel piccolo stabile costruito ai primi del Novecento, ereditato dalla zia Pina, mia madrina di battesimo e di cresima.     Poi, improvvisamente, quando siamo rimasti soli, senza il sostegno amministrativo di quella donna eccezionale che era la mia genitrice, me ... Continue Reading

COME FARE FELICE UN UOMO & I BISCOTTI SETTEMBRINI

Ero il suo incubo. Quella che lo interrompeva mentre mangiava, mentre leggeva, mentre guardava il telegiornale. “Se la ricetta originale mi dà 250 grammi di farina e 115 di zucchero e io invece voglio usare 320 grammi di farina, quanto zucchero devo mettere?”. E lui, con pazienza infinita -e la velocità della luce- mi dava i risultati.     Sono arrivata a chiedergli aiuto perfino mentre dormiva. Anche tra le braccia di Morfeo, è riuscito a riproporzionare gli ... Continue Reading

LO CHEF STELLATO, UNA SERATA PREZIOSA & LA MOSTARDA DI FRUTTA

Se fosse un dentista, mi farei curare da lui. E sono certa che avrei un sorriso smagliante. Perché lo chef pluristellato Giancarlo Perbellini è un tipo tosto, che di sicuro dà sempre il meglio di sé. Mi ci ha portato il Paffu, nel suo piccolo ma curatissimo ristorante in piazza san Zeno, uno dei luoghi più antichi e suggestivi di Verona. Voleva festeggiare in un modo diverso il mio sessantunesimo compleanno. E ci è riuscito perfettamente.       Lo ... Continue Reading

EROI DELLA CUCINA & I GHIACCIOLI DI FRUTTA (BIMBY)

“Lascia perdere l’affettatrice, che rischi di farti male!”. Imperiosa, intimo al Paffu di lasciare a me il pericoloso accessorio. Perché io sono più attenta, tranquilla, riflessiva. Le taglio tutte senza problemi, le melanzane per la parmigiana richiesta da Manu Le distribuisco a strati nello scolapasta perché rilascino il proprio umore. Al Paffu, rassegnato, rimane l’incarico di spolverizzarle di sale.     È il momento di riordinare. Con cura, inizio ... Continue Reading

LA SIGNORA OLGA & LA SUA TORTA MARGHERITA (BUTTER FREE MA BUONISSIMISSIMA)

“I TRI PECATI CHE DIO NON PERDONA Imbriagarse de vin tristo. Robar par conto de ‘n altro. Andar co’ ‘na dona piassè bruta dela tua. LE TRE ROBE CHE DURA ‘N ORA Seren fato de note. Mulin fato de strope. ‘Na vecia che se ‘namora: i è tute robe che dura ‘n ora”. Troppo simpatica, la signora Olga. Questi proverbi (la cui taduzione trovate qui) li declamava perfino seduta sul suo letto d’ospedale, davanti allo stuolo di medici che la visitava.   &... Continue Reading

EMPATIA & I DOLCETTI FREDDI CON CIOCCOLATO, AMARETTO E MERINGA

Avevo bisogno delle braccia libere. E ho chiesto a Emma di tenermi la borsa. Perché, sì, ti dovevo abbracciare stretta stretta. Da quanti anni non ci vedevamo, Isa? Eppure, ritrovarti lì, tra i fiori del giardino della locanda Ca’ Blanca, è stata la cosa più naturale del mondo.     Capelli cortissimi, occhi brillanti con dentro la stessa luce di tanto tempo fa. Sei sempre tu: le cose della vita non hanno scalfito la tua ironia. Anzi, hanno incrementato la ... Continue Reading

LUCCIOLE PER “TEA LIGHT” & I FROLLINI DI FRANCESCA

Affascinato. Eccitato. Direi quasi elettrizzato. È bastato quel tea light pieno di polvere, rimasto sul terrazzo dopo che zucca luminosa di Halloween ha terminato il proprio compito, a far scattare il tuo entusiasmo. Era un oggetto decisamente kitsch: non una candela, ma un cilindretto di plastica dotato di una piccola lampada led a luce giallina.     Non so perché: ti ho detto che era una lucciola. E tu, Pietro, amore grande della nonna, hai adottato immedia... Continue Reading

FERMIAMOCI UN ATTIMO & I BISCOTTI DI CAMPAGNA (SENZA BURRO)

“Fermiamoci un attimo, per favore!”. Niente da fare: per anni, il Paffu, irremovibile, ha tirato dritto lungo la strada che dal mare conduce al centro di Scicli. Oltrepassando quella pasticceria di cui avevo tanto sentito parlare e che era recensita con quattro pallini e mezzo su Tripadvisor.     Poi, una sera, di ritorno dalla spiaggia, ha accostato. Così, senza preavviso e senza un perché. Siamo scesi dall’auto accaldati e sciatti, con le bermuda e le ... Continue Reading