STORIA DI UN COLPO DI FULMINE & LA TORTA SBRICIOLATA AI FRUTTI DI BOSCO

C’era una volta…

…nel web, uno spazio in attesa di qualcuno che si accorgesse di lui.

In un’altra realtà, c’era invece una donna che sognava di diventare una blogger.
Anche se, un blog, neanche sapeva che cosa fosse.

Un giorno i loro destini si incontrarono.

E fu subito amore.

All’inizio, si frequentarono di nascosto: non erano ancora sicuri che il loro legame avrebbe potuto dare buoni frutti.

Lui, comunque, si fece in quattro per farle conoscere il proprio mondo.
Lei, per non deluderlo, imparò a usare il proprio Mac.

Lui le offrì tutta la propria estensione.
Lei rubò tempo per trascorrerlo insieme a lui.

 

dsc_0689_1_600

 

Il 9 ottobre 2011, una domenica, osarono uscire allo scoperto.
Erano emozionantissimi: quello era il loro primo articolo, quello che avrebbe rivelato al mondo la loro storia.

Poche parole di introduzione, una ricetta di quindici righe, una foto terrificante.
Ma a loro due sembrò un miracolo.
E rimasero estasiati a guardare la propria creatura.

 

dsc_0672_1_600

 

Passò il tempo.
Lui si gongolava del lavoro di lei.
Lei studiava, cucinava, fotografava, leggeva, scriveva…

A quel primo post se ne aggiunsero tanti altri.
Con introduzioni sempre più lunghe.
Con ricette sempre più articolate.
Con immagini un po’ meno brutte.

Un giorno si resero conto di quanto stessero stretti, nella casa dove abitavano.
Decisero di traslocare.

Valutarono le offerte.
Chiesero informazioni.
Presero anche qualche – inevitabile – buggerata.
Alla fine, trovarono quello che faceva per loro.

E allora, con l’incoscienza che li contraddistingueva, incominciarono a imballare le proprie cose.
Riprenderle in mano una a una fu come fare un tuffo nel passato.
Quanto risero, di quei primi, brevissimi articoli in cui la cucina si alternava ad argomenti odontoiatrici!
Quasi si commossero, per i piccoli premi vinti qualche tempo dopo.
“Guarda” gli disse lei “Da questo post in poi, le foto le ho fatte con la reflex”. “Che comunque, come puoi notare, non sapevi ancora utilizzare” ironizzò lui.
Lei: “Nooo: la mia demenziale storia di Cappuccetto Rosso!” . Lui: “Vedi? Era destino che ti dedicassi alle favole”.

Giorni di lavoro.
Mal di schiena.
Lacrime agli occhi, e non solo per la stanchezza.

 

dsc_0680_1_600

 

Alla fine, ci riuscirono: il trasferimento fu completato.
Era stata la cosa più faticosa che avevano fatto insieme.
Ma anche la più gratificante.

La nuova casa era ampia, luminosa, pulitissima e ordinata.
Le parole e le immagini, alla luce delle immense finestre, sembravano quasi più belle.
Si guardarono a lungo, e si resero conto che, dopo cinque anni, il loro amore e il loro entusiasmo non erano mutati.
Anzi…

Il 9 ottobre 2016 era di nuovo una domenica.
Lei si alzò di buon’ora, spalancò le imposte della cucina.
Tolse un uovo e la ricotta dal frigo, pesò farina, burro e zucchero.
Preparò una torta che non aveva mai fatto.
Accese la candelina che vi aveva messo proprio nel centro.

Poi sollevò lo schermo del Mac.
Cliccò sull’icona di Pane per i tuoi denti. Guardò sognante l’amato spazio web che si apriva davanti ai suoi occhi.
E, soffiando su quell’unica fiammella, sussurrò due parole.
Due sole, ma commosse.
E uscite dal più profondo del cuore.

“FELICE ANNIVERSARIO!”.

 

Al mio blog e ai nostri amici, per i nostri cinque anni insieme…
Valeria

 

sbriciolata_1_600

LA TORTA SBRICIOLATA AI FRUTTI DI BOSCO

PREPARAZIONE: 15 min
COTTURA: 30 min circa
TORTIERA: 20 cm

CHE COSA SERVE?

  • 300 g di FARINA 00
  • 120 g di ZUCCHERO per il crumble
  • 1 cucchiaino di LIEVITO VANIGLIATO
  • SALE
  • 100 g di BURRO ammorbidito
  • 1 UOVO
  • 250 g di RICOTTA di mucca
  • 55 g di ZUCCHERO per il ripieno
  • 200 g di FRUTTI di BOSCO surgelati

COME FACCIO?

  1. PRERISCALDO il forno (ventilato) a 180°C.
  2. PREPARO il CRUMBLE: inserisco nel boccale la FARINA, 120 g di ZUCCHERO, il LIEVITO setacciato, il SALE, il BURRO ammorbidito (a temperatura ambiente, NON nel forno a microonde!!!) e FRULLO per qualche secondo fino a ottenere un composto sabbioso. Aggiungo l'UOVO leggermente sbattuto e FRULLO a velocità 4 (se necessario, aggiungo un cucchiaio d'acqua): l'impasto deve rimanere sbriciolato. Per ottenere delle briciole regolari, divido il composto in più parti e frullo ogni porzione per qualche secondo.
  3. DISTRIBUISCO circa 3/5 del CRUMBLE sul fondo e parzialmente sulle pareti di una tortiera da 20 cm foderata con carta forno. Lo compatto leggermente.
  4. PREPARO IL RIPIENO: amalgamo bene 55 g di ZUCCHERO con la RICOTTA setacciata, stendo questa CREMA sulla base della torta, copro con i FRUTTI di BOSCO.
  5. DISTRIBUISCO il CRUMBLE rimasto sul ripieno, avendo cura di mantenere separate le briciole.
  6. CUOCIO per circa 30 minuti.

I MIEI APPUNTI

ROBOT: ho usato il Bimby / Thermomix, ma questo dolce può essere impastato anche con altri robot o a mano. - FORNO: Quelli indicati nella ricetta sono tempi e temperature di cottura effettivi (la temperatura è stata misurata con termometro a sonda) per il forno Gaggenau; per altri forni, potrebbero essere diversi. - FONTE: la ricetta, con minime variazioni, è della mia amica Barbara Boni di "I love coocking at home", che ringrazio di cuore

VI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE...

8 Comments

  • comment-avatar
    Barbara 21 ottobre 2016 (16:50)

    Che meraviglia cara Valeria, un vero onore poter far parte dei tuoi festeggiamenti… il tuo blog è un condensato di dolcezza spontaneità ed ironia, un piacere da gustare con gli occhi ma anche da leggere.
    Auguri di <3 per questa importante ricorrenza e mille ancora di questi post per la tua e nostra gioia.
    Un grande abbraccio.

    • comment-avatar
      Pane per i tuoi denti 24 ottobre 2016 (7:30)

      E finalmente raggiungo un computer funzionante e un’area con il wi-fi!!!
      Grazie a te, carissima Barbara, non solo per la ricetta – che ha veramente fatto furori – ma anche per i complimenti.
      Mille di questi post? Magari! Se riuscissi a scriverli tutti, entrerei nel guinness dei primati come la blogger più longeva della storia…
      Un bacione.

      Valeria

  • comment-avatar
    Renzo Cocco 16 ottobre 2016 (18:16)

    Leggo tutto e d’un fiato. Storie bellissime che potrebbero un domani essere raccolte in un aureo libretto….Di ricette non capisco nulla e quindi per me sono solo una scusa per leggere pezzi di vita vissuta. Prosit per l’anniversario che come tutti gli anniversari va festeggiato alla grande…..

    • comment-avatar
      Pane per i tuoi denti 17 ottobre 2016 (7:45)

      Onoratissima di un commento così positivo, per di più proveniente da una persona “del mestiere”!
      Grazie infinite per il brindisi… nell’attesa di poterlo ripetere insieme.
      Un abbraccio affettuoso a te e a Bruna.
      A presto.

      Valeria

  • comment-avatar
    Cristiana 16 ottobre 2016 (9:34)

    Bellissima ricetta Valeria . Tantissimi complimenti per il tuo blog che è sempre fonte di mille ispirazioni. Buon Anniversario ?

    • comment-avatar
      Pane per i tuoi denti 16 ottobre 2016 (14:25)

      Carissima Cristiana,
      mi sa che questa ricetta l’hai già sentita…
      Grazie di tutto.
      Veramente di cuore.

      Valeria

  • comment-avatar
    zia consu 14 ottobre 2016 (20:32)

    Vivo quest’entusiasmo ogni giorno anch’io…dal timido inizio all’evoluzione sempre con la voglia di migliorare e crescere!
    Mi piace tantissimo questo post perchè ti rappresenta molto e si percepisce tutto l’amore che metti in quello che fai!
    Brindo con te a questo traguardo e ti auguro una lunghissimissima vita da foodblogger 🙂

    • comment-avatar
      Pane per i tuoi denti 15 ottobre 2016 (23:04)

      Che dire davanti a un complimento come questo?
      Non posso che ricambiarlo: “I biscotti della zia” è sempre più bello, con foto e ricette diventano ogni giorno più accattivanti.
      Tu poi, Consu, riesci sempre a colpire nel segno.
      E al cuore.
      Un abbraccio stretto stretto.

      Valeria