IL VIZIO CAPITALE, IL TERRAZZINO DI ANTONELLA E LA MIA CROSTATA DI FRAGOLE

Liberi di non crederci: non sono invidiosa.

Non invidio chi è ricco, chi è sicuro di sé, chi è famoso.
Non invidio nemmeno le blogger (e sono tante!) in grado di scrivere e fotografare meglio della sottoscritta.
La professionalità e la cultura le ammiro, le ammiro immensamente. Ma non le invidio.

Eppure, esistono due cose in grado di scatenare la pur esigua quantità del mio “vizio capitale”.

Nell’ordine:
A – la bellezza fisica (che, naturalmente, comprende anche la magrezza) di altre donne;
B – la meravigliosa vista che si gode sul lago di Garda dal terrazzino di Antonella.

Per la bellezza, proprio non c’è niente da fare…
D’accordo, neanche il terrazzino potrà mai essere mio, ma Anto è così gentile da “prestarmelo”, quando andiamo a trovarla.

 

 

Vi si accede da una bellissima stanza di gusto un po’ retro, arredata tutta con i toni dell’azzurro. Azzurro come l’acqua, azzurro come il cielo.

Ogni volta che Antonella ci invita, io, con indicbile maleducazione, le chiedo il permesso di salire per un attimo in camera.
Quasi sempre mi porto dietro la Nikon, quasi sempre fotografo l’immagine che mi si presenta al di là della porta-finestra.

Il paesaggio non è mai uguale: cambia a seconda dell’ora e della stagione, o delle condizioni meteorologiche.

Ho sempre desiderato una casa con vista sull’acqua.
Che si tratti di lago o mare, poco importa.

Se penso al mio futuro, mi immagino seduta a leggere o a scrivere davanti a una distesa azzurra.

Chissà, forse un giorno il mio sogno si avvererà.
Per il momento,  mi accontento di “rubare” il meraviglioso paesaggio di Antonella, ringraziandola di cuore per l’ospitalità…

L’ultima volta che siamo stati invitati da Anto, ho portato una crostata di fragole.
Ne condivido con voi la ricetta, insieme ai ricordi di quella bellissima giornata. 

 

 

“LA MIA CROSTATA DI FRAGOLE”

(la ricetta è la mia versione della frolla fine del sig. Mario Scaturchio, grande pasticciere napoletano; ho usato le fruste elettriche)

CHE COSA SERVE?

Per la pasta frolla fine:
– 350 g di FARINA 00
– 140 g di ZUCCHERO SEMOLATO
– 140 g di BURRO
– la scorza grattugiata di un piccolo LIMONE
– 1 UOVO e mezzo  (sbatto leggermente un uovo e ne metto metà nella pasta frolla)
– 3 g di LIEVITO VANIGLIATO
– 1 pizzico di SALE
– 1 cucchiaio d’ACQUA

Per guarnire:
– FRAGOLE mature, lavate, private del picciolo e surgelate
– 250 g di GELATINA di ALBICOCCHE Zuegg
– ACQUA

COME FACCIO?

1. PREPARO la PASTA FROLLA: UNISCO tutti gli INGREDIENTI in una ciotola, FRULLO con le fruste elettriche fino a ottenere un composto granuloso che compatterò leggermente con le mani.

2. DISTRIBUISCO l’impasto in una TORTIERA del diametro di 28/30 cm, RIALZANDOLO un po’ sui bordi.

3. COPRO la pasta frolla con pellicola trasparente e la lascio riposare in FRIGORIFERO per 15-20 minuti.

4. NEL FRATTEMPO, preriscaldo  il FORNO a 160-180°C (ventilato).

5. TOLGO la PASTA FROLLA dal frigo, la BUCHERELLO con i rebbi di una forchetta, la COPRO  con CARTA FORNO, riempio la cavità centrale con i FAGIOLI DA FORNO e metto a cuocere per 20 – 30 minuti (dipende dal forno e da quanto la vogliamo dorata).

6. UNA VOLTA cotta la base, la lascio RAFFREDDARE leggermente e la trasferisco su un PIATTO da PORTATA.

7. PREPARO la GELATINA, riscaldandola in un tegamino con l’aggiunta di poca acqua, secondo le istruzioni.

8. STENDO sulla base uno straterello di GELATINA, lo copro con le FRAGOLE, e successivamente DISTRIBUISCO sulle fragole la rimanente GELATINA.

9. LASCIO raffreddare in FRIGORIFERO per almeno un’ora prima di servire.

SODDISFAZIONE ****     PAZIENZA ***

Avete visitato il mio sito www.drvaleriaderossi.it ?

VI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE...

8 Comments

  • comment-avatar
    consuelo tognetti 26 giugno 2015 (22:45)

    Che bella vista da quel terrazzino O_O sto sognando ad occhi aperti con te 🙂
    Direi che Antonella se l'è proprio meritata questa crostata..ha un aspetto delizioso e non dubito sul suo sublime sapore 🙂
    Bravissima Vale e felice we <3<3<3

  • comment-avatar
    andreea manoliu 27 giugno 2015 (0:10)

    Chi sa se un giorno i sogni non diventano realtà. Intanto hai fatto una crostata molto golosa !

  • comment-avatar
    paola 27 giugno 2015 (20:46)

    complimenti davvero deliziosa,ne prendeei molto volentieri una bella fetta,felice sera

  • comment-avatar
    Pane per i tuoi denti 28 giugno 2015 (15:30)

    Antonella si merita ben altro che questa crostata, data la sua squisita ospitalità!!!
    Sognare un terrazzino sul'acqua? Beh, potrebbe essere anche nella tua meravigliosa Versilia!
    Un bacione.

    Valeria

  • comment-avatar
    Pane per i tuoi denti 28 giugno 2015 (15:32)

    Sarebbe bellissimo se questo mio sogno si traducesse in realtà!!!
    Intanto… godiamoci la crostata…

    Un abbraccio.

    Valeria

  • comment-avatar
    etneo 3 luglio 2015 (11:07)

    Ottima ricetta! Ma perché le fragole vanno surgelate?

  • comment-avatar
    Pane per i tuoi denti 3 luglio 2015 (20:13)

    Grazie, cara Paola!
    Buona serata anche a te…

    Valeria

  • comment-avatar
    Pane per i tuoi denti 3 luglio 2015 (20:14)

    E' un consiglio della signora che le produce e me le vende: le fragole surgelate non si "cuociono" con il calore della gelatina.
    Grazie della visita!

    Valeria